↑ Torna a About

Documento costitutivo del Comitato TerreJoniche

Questo l’atto costitutivo del Comitato. Aderite inviando una mail a terrejoniche@gmail.com

DOCUMENTO COSTITUTIVO DEL COMITATO INTERREGIONALE PER LA DIFESA DELLE TERRE JONICHE


Il giorno 11 Marzo alle ore 18:00 in Metaponto presso il presidio costituito in Piazza Giovanni XXII si sono riuniti i seguenti cittadini e rappresentanti di associazioni e comitati per costituire il Comitato per la Difesa delle Terre Joniche.

Il Comitato sorge in conseguenza degli eventi calamitosi che hanno colpito il giorno 2 Marzo 2011 le aree dell’arco Jonico comprese fra la Provincia di Matera e la Provincia di Taranto.

Il Comitato si costituisce su proposta di Altragricoltura e del Tavolo Verde Puglia unitamente ad una serie di associazioni, operatori agricoli e turistici del territorio incontratisi a Metaponto il giorno 4 di Marzo congiuntamente a due successive assemblee popolari svoltesi a Marina di Ginosa il 5 Marzo (presso la Banca di Credito Cooperativo) ed a Metaponto il 7 Marzo 2011 con il coinvolgimento di altre numerose realtà associative e singoli cittadini.

L’assemblea di Metaponto, in particolare, ha deciso ed approvato per alzata di mano all’unanimità dei numerosi presenti la Costituzione del Comitato ed i suoi obiettivi immediati.

I soggetti convenuti nell’atto costitutivo, intervenendo in quanto persone singole e/o in rappresentanza di
associazioni o soggetti organizzati, si vincolano al mandato delle assemblee popolari e sottoscrivono l’atto assumendo le deliberazioni conseguenti con l’obiettivo di mettere a disposizione uno strumento democratico di partecipazione ed impegno civile per tutti i cittadini.

Il “Comitato per la difesa delle Terre Joniche” (da ora in avanti denominato brevemente “Terre Joniche”) si costituisce come luogo unitario di tutti i cittadini coinvolti dagli eventi calamitosi del 2 di Marzo 2011, delle associazioni e dei soggetti organizzati che condividono i suoi obiettivi e di quanti, anche fuori dall’area interessata, decidono di sostenerne le iniziative ed operare perché siano tutelati e garantiti il ritorno alla vita normale delle famiglie, la ripresa delle attività economiche, l’ occupazione e la qualità del lavoro per tutti i cittadini del territorio.

Questi gli obiettivi principali del Comitato:

1) ottenere immediatamente dal governo nazionale il riconoscimento dello stato di crisi che, assumendo le
procedure d’urgenza ed in deroga previste dalle normative sugli eventi calamitosi straordinari, stanzi risorse immediate, realizzi la moratoria e la sospensione di tutte le scadenze, dei pagamenti e delle procedure esecutive contro le famiglie e le aziende del territorio e, dunque, consenta alle attività economiche, alle persone ed alle famiglie di riprendere un decoroso e pieno riavvio delle condizioni operative e divita;

2) ottenere un piano organico di messa in sicurezza del territorio intervenendo sui problemi strutturali, sui piani di manutenzione e sui piani di emergenza che hanno palesemente fallito in occasione di questo ennesimo annunciatissimo episodio di esondazione dei fiumi;

3) condurre e coordinare le iniziative di informazione e controinformazione su quanto in realtà è accaduto e sulle responsabilità, sia per prevenire ulteriori disastri che per sostenere i diritti dei cittadini, mettendo in atto azioni di autotutela e di vigilanza per ottenere il riconoscimento delle responsabilità e i risarcimenti a quanti hanno subito danni

4) ridefinire per il territorio interessato e nel rapporto con le aree regionali collegate un piano di tutela e difesa dell’ambiente e del territorio, delle infrastrutture e dei servizi ai cittadini impostato sulla difesa dei beni comuni e degli interessi collettivi per garantire la ripresa delle attività economiche e delle diverse attività lavorative.

Il Comitato per raggiungere i suoi obiettivi assume ogni iniziativa utile favorendo la partecipazione dei cittadini, il dialogo con le istituzioni e predisponendo tutti i supporti tecnici necessari.

Al fine di realizzare il miglior coordinamento possibile, il Comitato

1) opera con decisioni assunte in sede assembleare perseguendo il consenso più ampi possibile

2) si dota di un consiglio di coordinamento definito nel numero utile a consentire le rappresentanze plurali di tutte le realtà associative e di quelle territoriali dei cittadini dei diversi territori,

3) costituisce gruppi di lavoro utili tematici

4) nomina uno o più portavoce per rappresentare all’esterno le istanze e le decisioni assunte

La partecipazione al Comitato non vincola l’autonomia delle singole realtà associative dei singoli quanto, piuttosto, persegue l’obiettivo di costruire uno spazio comune di partecipazione e coordinamento.

Si intendono come soci e partecipanti del Comitato Terre Joniche, tutti i convenuti sottoscrittori dell’atto costitutivo, quanti hanno partecipato alle assemblee costitutive su nominate e quanti aderiranno sottoscrivendo via telematica, attraverso gli strumenti web o altre forme di coinvolgimento il presente documento costitutivo.

Questo atto costitutivo rappresenta il primo fondamentale riferimento operativo per il Comitato che dopo la
prima iniziale fase di promozione della più ampia partecipazione, potrà definire ulteriori forme organizzative e di collegamento fra i partecipanti al comitato